Mediazione

Laboratorio di Progettazione

Il LdP (Laboratorio di Progettazione) coordinato dall’Associazione Culturale Progetto, Mediazione e Territorio in collaborazione con l’Associazione Culturale Affabulazione e l’Ente di Alta Formazione Ubi Minor è il risultato dell’esperienza di Alta Formazione dei Master in Progettazione Sociale e Gestione del Territorio “Tullio Tentori” (IV edizione) e Mediazione Culturale Pediatrico Infantile (V edizione). I due master sono ideati da Ubi Minor e realizzati in convenzione con il Consorzio Interuniversitario For.Com (Università degli studi di Torino – Università degli studi del Molise – Università degli Studi di Bari – Università degli studi di Udine – Università di Camerino – Università degli studi di Sassari – Università Degli Studi Guglielmo Marconi – Universitatea “Ovidius” Constanta – Romania – University of Chester).
LdP è il frutto del percorso di formazione quinquennale dei Master e del confluire dell’esperienza accademica e di quella sul “campo” in un’unica realtà laboratoriale, tramite metodi didattici attivi e interattivi.
LdP si presenta dunque come una piattaforma di progettazione sociale, in cui studenti, docenti, operatori e tecnici condividono il fine di socializzare le loro competenze, per alimentare un circuito ricorsivo tra teoria, pratica e ricerca, volto alla promozione, realizzazione e gestione di interventi, negli ambiti della
co-progettazione sociale e della mediazione territoriale e interculturale.
Il Laboratorio di Progettazione si pregia dell’adesione dei seguenti Enti:
ROMA CAPITALE – Dipartimento Cultura; COMUNE DI ANGUILLARA SABAZIA (RM); “CITTÀ DEI MESTIERI E DELLE PROFESSIONI” Municipio X – ex XIII; “NUOVA AURORA” Società Cooperativa Sociale; “IO, NOI” Associazione di Volontariato per la Solidarietà e l’integrazione Sociale; “ETNOPSI” Scuola di Psicoterapia Etno-Sistemico-Narrativa; “ANTHROPOLIS” Associazione culturale; “ETNOS 2009” Società Cooperativa; “DIONISO” Cooperativa Sociale; “LA TENDA” Associazione, Onlus; “IL MOSAICO” Cooperativa Sociale; “INFOCIVICA- Gruppo di Amalfi” Associazione senza fini di lucro; Associazione “VIRTUS Italia Onlus” Consorzio di Solidarietà Sociale.

Per Informazioni e Iscrizioni ai Master:

dir.didattica.psgt@irmanet.eu – 339.3387345 – 339.3540245

dir.didattica.mcpi@irmanet.eu – 329.3150964 – 339.3540245

PIEGHEVOLE Master PSGT 2014-15

Master in Etnopsichiatria e Psicologia Transculturale

Anche quest’anno l’Instituto Beck di Roma organizza la terza edizione del Master in Etnopsichiatria e Psicologia Transculturale con la durata di 1 anno. Le lezioni inizieranno il 20 febbraio 2010, con scadenza delle iscrizioni fino il 01 febbraio 2010.

“Le migrazioni hanno scomposto la realtà che viviamo recando nuovi scenari ed una trasformazione profonda del tessuto sociale. Visti il numero di immigrati presenti in Italia e la creolizzazione in atto, per poter lavorare ed essere efficaci, occorre favorire un sapere nuovo che permetta di non lasciare più al caso le azioni e le scelte rispetto a questi temi da parte dei professionisti che se ne occupano. Per questo motivo si rende sempre più necessaria, da parte di chi opera in questi contesti sociali, la conoscenza dei sistemi di riferimento della eterogenea popolazione migrante: sistemi che non sono solo quelli delle terre di provenienza, ma anche quelli delle loro appartenenze in transito nella nostra realtà sociale.

Questo Master è rivolto a chi cura il disagio psichico e sociale delle popolazioni in movimento, ma anche a chi si prende cura, nel più ampio senso del termine, di questi nuovi abitanti: dunque agli operatori della salute, agli operatori sociali, della scuola e del diritto. I luoghi d’incontro destinati alla comprensione e all’accoglienza di ciò che consideriamo “altro” si costruiscono imparando a cogliere le differenze, ragionando sui problemi attuali e sui possibili scenari evolutivi e attraverso l’ acquisizione di strumenti tecnici idonei ai diversi tipi di migranti. Nel creare ipotesi interpretative e di intervento, sebbene sia sempre utile un confronto con l’esperienza degli altri Stati, europei e non, l’Italia rimane però una realtà peculiare, con variabili esclusive che  connotano sia le fenomenologie, sia le risorse da mettere in campo.

L’Istituto Beck, dopo aver offerto formazione in etnopsichiatria con seminari ed incontri, propone per questo  motivo un percorso di alta specializzazione più completo rivolto a chi lavora o intende impegnarsi in contesti multiculturali.

Il Master intende:

  • Fornire conoscenze teoriche sui sistemi di cura etnopsichiatrici
  • Trasmettere e favorire la creazione di strumenti terapeutici etnopsichiatrici mettendo a disposizione degli allievi delle chiavi di lettura comparate, nonché modalità e tecniche d’intervento attuabili
  • Stimolare un’elaborazione critica della materia etnopsichiatrica per imparare ad interagire costruttivamente con sistemi culturali “altri”
  • Orientare alla formazione di una mentalità etnopsichiatrica”    (fonte: Istituto A.T. Beck)
Per informazioni relative alla metodologia, docenti, articolazione della didattica, destinatari, quota di frequenza, iscrizioni, accreditamento ECM si fa riferimento al sito dell’Istituto A.T. Beck.

Alocatii europene pentru copii

Alocaţii acordate conform Regulamentului Consiliului (CE) nr. 1408/71 din 14 iunie 1971

Ce sunt „alocatiile europene” ?

Alocatiile „europene” reprezinta o forma de prestatii familiale care au ca scop asigurarea securitatii sociale pentru salariatii si lucratorii independenti, si membrii familiilor acestora, care au resedinta intr-un stat membru al Uniunii Europene si desfasoara o activitate salariala sau independenta in unul dintre aceste state.

Aceste „alocatii” se acorda pentru copiii avuti in ingrijire, ca si alocatiile care se acorda in România. Diferenta consta in faptul ca, urmare desfasurarii unei activitati salariale sau independente pe teritoriul unui alt stat membru UE, aceasta alocatie poate avea un cuantumul mai mare (in majoritatea cazurilor), acest cuantum depinzând de legislatia statului respectiv.

De aceste alocatii pot beneficia copiii ai caror parinti lucreaza legal pe teritoriul Uniunii Europene.

Astfel, parintii care au dreptul de a primi aceasta alocatie ca urmare a activitatii desfasurate in afara României, pe teritoriul Uniunii Europene, pot beneficia de alocatie pentru copiii lor, in cuantumul stabilit de legislatia tarii in care lucreaza, indiferent daca acestia au sau nu copiii impreuna cu ei.

Care este cuantumul acestor alocatii?

Cuantumul acestor alocatii difera de la un stat la altul si se acorda conform legislatiei existente in tara in care lucratorul migrant isi desfasoara activitatea.

Aici puteti gasi, ca exemplu, cuantumurile acestor alocatii pentru statele implicate valabile in anul 2007. Va rugam sa luati in considerare faptul ca este posibil ca pana in prezent aceste valori si legislatia pe baza careia se acorda in 2007 sa se fi schimbat.

Care este procedura necesara pentru a primi alocatia?

Procedura consta in completarea formularului E411 reprezentand cerere de informatii privind dreptul la prestatii familiale in statul de resedinta al membrilor familiei.

In prima faza, se va stabili statul competent care va acorda alocatia. Acest lucru depinde de natura activitatii desfasurate de catre parintii copilului/copiilor pe teritoriul Romaniei si/sau statului respectiv. Indiferent de care este statul competent, procedura de obtinere a „alocatiei” este aceeasi: completarea formularului E411.

Formularul E411 are doua parti: A si B, care se vor completa dupa cum urmeaza:

* partea A din formular se completeaza de institutia competenta cu plata prestatiilor   familiale din statul unde isi desfasoara activitatea sau de catre lucratorul migrant;

* formularul in partea A trebuie completat cu toate datele privind identitatea persoanelor mentionate in respectivul formular , si este indicat ca solicitantul sa  trimita institutiei noastre copii xerox dupa actele de stare civila a membrilor familie, hotarare de divort ori de incredintare a copiilor dupa caz.

* la primirea formularului (indiferent daca acesta a fost depus personal de catre lucratorul migrant sau a fost primit prin posta de la institutia din strainatate la care a fost depus formularul), A.J.P.S., trebuie sa completeze partea B a formularului  pentru care va solicita informatii, dupa caz, de la :

a)    Inspectoratul Teritorial de Munca

b)    Casa Judeteana de Pensii

c)    Directia Generala a Finantelor Publice

d)    Inspectoratul Scolar Judetean (in cazul in care copiii avuti in intretinere urmeaza cursurile invatamantului preuniversitar)

e)    Directia Generala de Asistenta Sociala si Protectia Copilului.

Cine poate demara procedura?

Procedura se demareaza prin depunerea formularului E411 completat in partea A la institutiile abilitate cu plata prestatiilor familiale din Romania sau din tara in care lucratorul migrant isi desfasoara activitatea. Acest formular poate fi descarcat in format electronic dand click aici sau poate fi solicitat de la institutiile abilitate mentionate la punctul urmator.

Pentru a vedea un model de formular completat, dati click aici.

FOARTE IMPORTANT! Inainte de demararea procedurii de obtinere a „alocatiei europene” persoana care lucreaza in mod legal intr-un stat, pentru care Regulamentul CE 1408/71 este aplicabil, trebuie sa se intereseze daca are dreptul de a primi aceasta alocatie. Aceste informatii pot fi obtinute de la angajator si de la institutia competenta din statul respectiv. Tocmai de aceea, este indicata dar nu obligatorie inceperea procedurii din statul in care lucratorul migrant isi desfasoara activitatea.

Unde trebuie sa ma adresez?

Pentru obtinerea „alocatiei europene” trebuie sa va adresati institutiei competente cu plata prestatiilor familiale din Romania (AJPS) si din statul in care lucratorul migrant isi desfasoara activitatea. Aceste institutii sunt organizate diferit de la un stat la altul.

In Romania, institutia responsabila cu plata prestatiilor familiale  este Agentia Nationala pentru Prestatii Sociale care la nivel local este reprezentata de Agentiile Judetene pentru Prestatii Sociale. Astfel, formularul va fi depus la AJPS de care copiii lucratorului migrant apartin ca domiciliu. Lista cu datele de contact ale AJPS-urilor din Romania poate fi accesata aici.

In cat timp intru in posesia alocatiei?

Plata „alocatiei europene” va fi efectuata dupa completarea integrala a formularului E411 si depunerea acestuia la institutia responsabila din statul UE competent cu plata „alocatiei”.

Perioada de timp scursa intre data depunerii formularului E411 la institutia responsabila cu plata „alocatiei europene” si plata propriu-zisa a alocatiei depinde de factori precum: corectitudinea datelor completate in formular (nume, adrese, coduri numerice personale etc.) si perioada necesara obtinerii de informatii de la alte institutii abilitate (vezi punctul 3).    (sursa:   singuracasa.ro )

Fino al 30 maggio iscrizioni dall’estero

Sui siti Melting Pot e Ministero dell’istruzione si trovano tutte le informazioni sulle scadenze e la documentazione necessaria per l’iscrizione dall’estero presso le Università italiane:

“Fino al 30 maggio sono aperte le iscrizioni dall’estero (gli studenti stranieri già in Italia sono liberi di iscriversi al pari dei cittadini italiani) per gli studenti stranieri intenzionati a frequentare l’università italiana. Sul sito del Ministero dell’interno è disponibile la lista degli atenei con tutti i posti messi a disposizione suddivisi per facoltà.

Le scadenze successive sono disponibili sempre sul sito del Ministero dell’istruzione. le più importanti sono:

- entro il 4 luglio 2009
Inoltro alle Università delle domande di preiscrizione; degli elenchi dei candidati, divisi per corso di laurea e di laurea magistrale; comunicazione alle Università del numero di fax per la notifica dei candidati ammessi; inoltro al Ministero degli Affari Esteri, al Ministero dell’Interno degli elenchi dei candidati di cui sono state trasmesse le domande

- dal 4 agosto 2009
Pubblicizzazione di: elenchi candidati ammessi alle prove; data, orario e indirizzo sede di esami; scheda informativa circa modalità, criteri e contenuti esami di ammissione; elenco dei candidati non ammessi alle prove

- dal 24 agosto 2009

rilascio del visto di ingresso. (fonte: Melting Pot )

Più informazioni ai seguenti link del Ministero dell’istruzione:

lista dei posti messi a disposizione

le date di scadenza

I punti controversi del pacchetto sicurezza

Dal sito di Melting Pot, la presentazione e brevi commenti  sui punti più discussi del provvedimento:

1) Soppressione del divieto di denuncia dell’irregolare che si rivolga alla struttura sanitaria (art. 35, co. 5 T.U.). La maggioranza avrebbe deciso di eliminare dal ddl questa modifica.

2) Reato di soggiorno illegale.

L’introduzione del reato creera’ problemi, anche nell’ipotesi di cancellazione della modifica dell’art. 35, co. 5 T.U., con riferimento alla situazione dei genitori irregolari di minore iscritto a scuola: il preside sara’ sottoposto all’obbligo di denuncia nei loro confronti.

Si noti come la motivazione dell’introduzione del reato non sia peregrina, dal punto di vista di Maroni: art. 2, co. 2 della Direttiva 115/2008 (sui rimpatri) consente di non applicare la direttiva stessa agli stranieri per i quali il rimpatrio e’ sanzione penale o conseguenza di una sanzione penale. Con l’introduzione del reato si fa conseguire l’espulsione alla condanna; in questo modo, si potra’ prescindere, per ogni straniero espulso, dall’applicazione delle disposizioni garantiste della direttiva (rimpatrio volontario, senza detenzione, etc.).

Notate pero’ che lo stesso risultato Maroni potrebbe ottenerlo in base al generalissimo art. 15, co. 1 lettera a) della stessa direttiva, che consente di dar luogo a detenzione e a rimpatrio coattivo ove vi sia rischio di fuga dello straniero – rischio che, ovviamente, puo’ sempre essere legittimamente ravvisato dall’amministrazione.

3) Obbligo di dimostrazione della regolarita’ del soggiorno ai fini dell’accesso ai servizi (sanita’ esclusa) e ai fini del perfezionamento degli atti di stato civile (matrimonio, registrazione della nascita, riconoscimento del figlio naturale, registrazione della morte).

Per quanto riguarda l’accesso ai servizi, rileva soprattutto la questione dei servizi scolastici: se il genitore dovra’ esibire il permesso, il preside sara’ messo di fronte all’eventuale condizione di soggiorno illegale (del genitore, non del figlio), e non potra’ fare altro che sporgere denuncia, trattandosi di un reato perseguibile d’ufficio (vedi punto 1).

Per quanto riguarda la registrazione della nascita, la possibilita’ per la donna incinta o per la puerpera di ottenere un permesso di soggiorno non risolve il problema in modo completo, dato che tale permesso puo’ essere rilasciato solo in presenza di pasaporto valido.

Il riconoscimento del figlio naturale da parte del padre clandestino sarebbe semplicemente impossibile, non essendo previsto il rilascio di alcun tipo di permesso al padre naturale.

4) Obbligo di dimostrazione della regolarita’ del soggiorno per la celebrazione del matrimonio in Italia.

Concorre con il punto precedente a violare, anche per il cittadino italiano, il diritto di costituire una famiglia legititma, quando si voglia sposare una persona irregolarmente soggiornante.

5) Obbligo di verifica delle condizioni igienico-sanitarie dell’alloggio ai fini dell’iscrizione anagrafica.

Vale per tutti (anche italiani e comunitari) e viola il diritto alla liberta’ di circolazione dei cittadini (italiani, in primo luogo). Notate che, in base alla legge, la persona che abbia un alloggio non idoneo dovrebbe comunque essere iscritta all’anagrafe come “senza fissa dimora”. Non si vede quale effetto positivo possa avere la modifica.

6) Obbligo di certificazione (da parte del Comune) dell’idoneita’ abitativa dell’alloggio ai fini del ricongiungimento.

Moltissimi edifici nei centri storici sono privi di tale idoneita’, eppure sono normalmente abitati da cittadini italiani. La normativa europea prescrive che si possa imporre solo la disponibilita’ di un alloggio considerato “normale” nella regione dove lo straniero vive.

7) Introduzione del permesso a punti.

Da’ luogo ad un appesantimento intollerabile del lavoro dell’amministrazione, gia’ in difficolta’ cronica con il rispetto dei tempi di legge per rilascio e rinnovo dei permessi.

8 ) Condizionamento del rilascio del permesso CE per soggiornanti di lungo periodo al superamento di una prova di conoscenza della lingua italiana.

Si noti come il possesso di tale permesso e’ condizione necessaria, oggi, per l’accesso a misure di assistenza sociale per invalidi. La persona con invalidita’ psichica rischierebbe di restare esclusa dal godimento di tali misure per il fatto di non essere in grado di superare il test.

9) Introduzione di un contributo (da determinare) tra 80 e 200 euro per ogni rilascio e rinnovo del permesso di soggiorno.

Si colpisce, in un momento di crisi economica, la parte piu’ fragile della popolazione.

10) Condizionamento della conversione del permesso dei minori non accompagnati, al compimento della maggiore eta’, alla maturazione di un soggiorno pregresso triennale.

Vanifica l’orientamento giurisprudenziale sviluppatosi in questi anni, rischia di incentivare un’immigrazione di infra-quindicenni e induce all’abbandono dei progetti di inserimento i minori non accompagnati per i quali la conversione dovesse risultare inevitabilmente preclusa.”

Giornata di mobilitazione contro il razzismo, la crisi e per i diritti e la libertà dei migranti

Sabato 18 aprile 2009, in moltissime città italiane saranno organizzate mobilitazioni ed iniziative contro la crisi, il razzismo ed pacchetto sicurezza. 

“Sarà una giornata di mobilitazione in moltissime città italiane quella di sabato 18 aprile 2009. Dentro la crisi e contro la crisi che vuole essere scaricata sui migranti ma anche sul dissenso, sulla possibilità di parlare un linguaggio diverso da quello che – anno 2009, pianeta terra – ci ha portato a questa epoca di crollo dell’economia globale, di crisi sociale, di scontro aperto dentro la società.
Cosa sia lo scontro sociale, cosa siano le tensioni che la crisi porta con sé e se possibile amplifica, lo sanno bene i migranti, che sembrano doverne pagare il caro prezzo proprio sulla loro pelle.
Il razzismo, quello che parla il linguaggio del pacchetto sicurezza, dei morti e degli espulsi per l’annuncio della soppressione del divieto di segnalazione, quello della detenzione nei Cie, dell’esclusione dagli ammortizzatori sociali o dal welfare, lo stigma ufficiale, ha poi anche la sua altra faccia nella xenofobia, nella diffusione dell’idea, forzata e alimentata dalle lenti deformate della politica mainstream, che il problema oggi siano i migranti. Contro questo, contro la cirisi, contro i quartieri accerchiati dal controllo ed invivibili, contro le ordinanze discriminatorie che escludono i migranti dai benefici sociali, contro le morti ed i maltrattamenti dei richiedenti asilo, i decreti contro i cortei nelle città e le ordinanze contro gli ambulanti, ma anche per affermare la cultura della solidarietà, per affermare una possibilità diversa di rispondere alla crisi, che parli il linguaggio dei diritti e della dignità per tutti, il prossimo week end sarà ricco di mobilitazioni. Il reading di Piazza San Fracesco a Bologna, venerdì 17, aprirà i battenti di un lungo fine settimana di iniziative. Sabato sarà la volta di Brescia, Castel Volturno, Padova, Pisa, Senigallia e Verona, domenica ancora a Bologna per una gioranta di festa in Piazza dell’Unità. Ma il week end di iniziative è lungo e si protrae fino ai primi giorni della settimana seguente. Mercoledì 22 infatti, a Conegliano (Treviso), dove un medico zelante ha denunciato una ragazza nigeriana senza il permesso di soggiorno arrivata in ospedale dopo un malore, si terrà una iniziativa contro il razzismo di medici, cittadini, attivisti, contro la prima segnalazione in Veneto (prima ancora che la legge sia approvata).” (fonte sito Melting Pot http://www.meltingpot.org/articolo14335.html  del 16 aprile 2009)

L’albo dei mediatori interculturali

Il 12 Marzo, alla Camera dei Deputati parte la discussione per l’istituzione di un albo nazionale dei mediatori interculturali. Di seguito il messaggio lanciato dall’Associazione Integra Onlus:

“Il mediatore interculturale, tra le figure più richieste ed urgenti degli ultimi decenni, “operatore ponte tra gli immigrati e le associazioni, istituzioni, strutture socio sanitarie” appare con evidenza una delle professionalità più idonee per fornire delle risposte alle esigenze di integrazione in una società, come quella attuale sempre più multietnica e interculturale. Immigrati al servizio degli immigrati, legalmente riconosciuti. Ed è proprio per il riconoscimento del ruolo di tale figura professionale che il 12 marzo, nella sala stampa della Camera dei Deputati, è stata presentata la Proposta di Legge Delega al Governo, n. 2138, finalizzata a garantire una maggiore tutela ai lavoratori del settore, anche mediante l’istituzione di un “Albo Nazionale dei Mediatori Culturali” ed un altro “delle Associazioni di mediazione interculturale”, che sarà sottoposta al vaglio del Parlamento per l’approvazione.

Hanno partecipato all’incontro On. Aldo di Biagio, Deputato del PDL eletto nella Ripartizione Europea e componente della Commissione Lavoro della Camera, Luciano Lagamba, Presidente Sei Ugl (Sindacato Emigrati Immigrati), Giancarlo Bergamo, presidente Ale Ugl (Associazione Lavoratori Emergenti), Mario Ciclosi, Prefetto del Ministero dell’Interno, Christopher Hein, Direttore del Consiglio Italiano per i Rifugiati, Gianluca Luciano, Amministratore del sito internet Stranieri in Italia, Natalya Tsbrek, Klodiana Çuka e Clarisse Essane Niagne, coordinatrici per il  Sindacato Mediatori Culturali.

Un primo ma decisivo passo avanti, tenendo conto della situazione di precarietà che coinvolge migliaia di operatori sociali impiegati dalla pubblica amministrazione e dal settore privato. La proposta di legge, che si auspica riceva un’approvazione bipartisan in Parlamento, rappresenta un sostanziale miglioramento delle condizioni dei mediatori interculturali i quali, allo stato attuale, sono impiegati nella pubblica amministrazione e nel settore privato senza avere alcun riconoscimento di figura professionale,  in una situazione di  assoluta precarietà.  La dr.ssa Klodiana Çuka, che ha saputo portare avanti con tenacia le istanze di questa figura professionale, ha partecipato alla stesura dell’elaborato nella duplice veste, come Presidente dell’Associazione Integra Onlus e Dirigente Nazionale per l’etnia albanese del sindacato SEI Ugl / Membro del Coordinamento Nazionale del Sindacato dei Mediatori Interculturali del SEI UGL nato nell’aprile del 2008. Estremamente importante è stato il contributo scientifico e di competenza all’elaborazione dei contenuti della proposta di legge della dr.ssa Çuka. Grazie al suo lavoro svolto in passato come mediatrice interculturale e come Presidente dell’Associazione Integra, che annovera tra i propri soci circa quaranta mediatori culturali, ha potuto traslare nel progetto di legge l’esperienza maturata nel corso di dieci anni di attività sul territorio pugliese. Si è resa anche portavoce dell’esperienza estremamente interessante della formazione dei mediatori nella Regione Puglia, attraverso i corsi di formazione a valere delle risorse POR, con durata fino a 1200 ore. Di notevole importanza è quindi l’approvazione della proposta da parte del Parlamento. L’istituzione dell’Albo nazionale garantirebbe una maggiore tutela dei diritti dei lavoratori, in primo luogo per quanto attiene all’aspetto economico (oggi privo di qualsivoglia forma di regolamentazione relativamente alla quantificazione della retribuzione oraria). Pertanto vi sarebbe anche una regolamentazione prodotta da un contratto collettivo nazionale di riferimento. Il riconoscimento attraverso una legge, quindi permetterebbe l’inserimento dei contratti collettivi nazionali di riferimento. Infatti, la proposta di legge che presto sarà analizzata sui tavoli della Camera e del Senato andrebbe a regolamentare ulteriori aspetti, altrettanto importanti, unificando su tutto il territorio nazionale:

– uniformazione dei criteri e della metodologia in tema di formazione su tutto il territorio nazionale;

– istituzione di una formazione generica e settoriale (scuola, ambito sanitario, penitenziario, sportelli, enti locali, ecc) per rendere questa professione un po’ più stabile economicamente: assicurare una retribuzione mensile senza sottostare al rinnovo di progetti da 20 ore;

– realizzazione di progetti finalizzati all’inserimento della figura del mediatore all’interno delle strutture pubbliche,  dando precedenza ai mediatori immigrati o madrelingua e agevolando allo stesso tempo l’inserimento di quegli studenti italiani che hanno padronanza della lingua ed approfondita conoscenza di usi e costumi dei paesi d’origine dei cittadini immigrati cui si rivolgono.

Il prossimo passo è finalizzato alla istituzione di un Tavolo di Lavoro Permanente in materia di Mediazione che coinvolga il Ministero del Lavoro, il Ministero dell’Istruzione, il CNEL (Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro), l’AICCRE (la sezione italiana del consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa). In più è prevista anche l’organizzazione di una Consulta nazionale e una banca dati dei mediatori, che coinvolgano gli interessati a livello nazionale.

Per chi ne vuole sapere nel particolare può scaricare la proposta di legge all’indirizzo http://seiugl.it oppure contattare i rappresentanti S.e.i. U.g.l. dott.sse Klodiana Cuka, Clarisse Niagne Essane e Natalya Tsebryk al numero 06.32482225-284 o per mail mediatoriinterculturali@ugl.it. ” (fonte Associazione Integra Onlus)

Elezioni europee – discriminazione o integrazione?

Elezioni europee, i cittadini rumeni residenti in Italia hanno diritto di voto per i rappresentanti d’Italia nel Parlamento Europeo. Circa la situazione e sulle discriminazioni inerenti l’informazione ci attirano l’attenzione Enrica Rigo e Roberto Faure sul sito del Melting Pot:

“I rumeni hanno diritto di voto alle europee per eleggere i rappresentanti riservati all’Italia, esattamente come tutti i cittadini neocomunitari e come tutti gli altri cittadini della cosiddetta “vecchia Europa” residenti nel paese. In totale, sono quasi un milione di potenziali voti, di cui non sembra che si siano accorti in molti.
Di certo non se ne sono accorti i media che, riproponendo a ogni occasione l’equazione rumeno/stupratore, assecondano e alimentano gli impulsi di risentimento e razzismo della società, già abbondantemente strumentalizzati dalla politica istituzionale. Ma non sembrano essersene accorti neppure i rimasugli della cosiddetta sinistra radicale, in tutte le loro diverse forme di frantumazione e riassemblamento, impegnati nel radicalissimo obbiettivo di contrastare la proposta di sbarramento del 4% alle europee. Il PD, dal canto suo, ha ben comprensibili preoccupazioni (chissà se anche le soglie di sbarramento diverranno a breve causa di inquietudine per i suoi dirigenti), ragione per cui, nell’ansia di emulazione della tradizione democratica statunitense, deve essergli sfuggito che le elezioni USA si giocano anche sulle capillari campagne per far iscrivere i potenziali elettori nelle liste dei votanti.
Sì, perché a differenza dei cittadini a pieno titolo, ai vecchi e nuovi comunitari residenti in Italia non arriva a casa la cartella elettorale, ma (se arriva) si tratta di un semplice avviso che indica il termine ultimo per l’iscrizione all’apposita ‘lista separata’ (90 giorni prima della data delle elezioni europee). Il comune di Roma, per esempio, lo ha inviato solo alcuni giorni fa con l’indicazione che invita al disbrigo delle pratiche burocratiche, via raccomandata o brevi manu, entro il 9 marzo.
A spingerci a simili considerazioni, non è certo la convinzione che il voto – questa “performance anonima della cittadinanza” come l’ha definita lo studioso indiano Partha Chatterjee – possa riempire di chissà quali contenuti il simulacro vuoto della democrazia contabile (sul tema si veda la bella ricostruzione di Francesco Galgano, La forza del numero e la legge della ragione. Storia del principio di maggioranza, il Mulino 2007). Né riusciamo a immaginare orde di militanti del PD che, rivitalizzando il patrimonio dissipato dei circoli territoriali di ormai tre o più partiti post-comunisti, si prodigano in campagne porta a porta per far iscrivere cittadini rumeni o polacchi alle liste elettorali. Tanto meno, riteniamo scontato che i suddetti cittadini voterebbero per liste di sinistra o centrosinistra. Pensiamo però che se qualcuno si fosse accorto di questi voti, per esempio durante l’ultima tornata amministrativa romana, forse le regole di una partita elettorale xenofoba, giocata sulle spoglie dell’omicidio Reggiani, sarebbero state meno odiose. Da fonti dello stesso campidoglio, solo nella Capitale i rumeni residenti e maggiorenni sono infatti circa 50.000 (e ci si potrebbe chiedere se sono più numerosi loro o i tassisti che facevano il carosello per l’elezione di Alemanno).
Ma, soprattutto, rimaniamo convinti che lo spazio europeo – compreso il diritto di elettorato attivo e passivo che assieme a quello di circolazione ne costituiscono i contenuti in termini di diritti – possa essere assunto come spazio di sperimentazione di nuove pratiche della cittadinanza. I movimenti sociali, in particolare le reti migranti attive anche su un livello transnazionale, lo vanno ripetendo da anni, e sembra ancora più indispensabile ribadirlo oggi, nel pieno di una crisi economica di cui i migranti, comunitari e non, stanno pagando un prezzo altissimo.
La prossima data delle europee coincide con una tornata amministrativa che vedrà rinnovare i consigli di numerosi comuni, anche molto popolosi. I termini di iscrizione alle liste separate, nel caso delle amministrative, risultano ridotti fino a 40 giorni prima delle elezioni (c’è tempo fino al prossimo 28 aprile). Chissà se qualcuno questa volta se ne accorgerà.” (fonte: Melting Pot – 9 marzo 2009)

Direttiva sanzioni – il prezzo più alto lo pagano i migranti

Di seguito un commento di Nicola Flamigni sulla direttiva europea sulle sanzioni applicate ai datori di lavoro che assumono gli immigrati irregolari (Direttiva del 19 febbraio 2009 passata nel Parlamento Europeo):

“Una politica europea sull’ immigrazione regolare non può esistere senza una credibile politica europea sull’immigrazione irregolare. A partire da questo presupposto si sta costruendo la politica comune d’immigrazione. È vero, in un’Europa a ventisette è più facile creare consenso su misure repressive che su misure atte a favorire l’immigrazione legale (soprattutto se il tipo di processo decisionale è nettamente a sfavore di quest’ultima materia, sulla quale si delibera ancora all’unanimità e non a maggioranza qualificata. La ratifica del Trattato di Lisbona potrebbe cambiare le cose). Ma questo motivo non basta per giustificare un approccio inadeguato a comprendere il complesso fenomeno dell’immigrazione. Dare priorità alla lotta contro l’immigrazione illegale senza avere aperto sufficienti canali legali all’immigrazione economica è un danno economico e sociale, e un’ipocrisia se si predica un needs based approach e poi si approva un piano d’azione sull’immigrazione legale (COM(2005)669) che lascia fuori dallo scopo ampie categorie di lavoratori immigrati di media e bassa qualificazione necessari al mercato interno. In nome del tanto sbandierato approccio globale, e del principio della comprensività, occorrerebbe quindi ribaltare l’assunto: una politica europea sull’immigrazione irregolare non può esistere senza una credibile politica europea sull’immigrazione regolare. La priorità andrebbe attribuita a quest’ultima.

La proposta di direttiva sulle sanzioni ai datori di lavoro che reclutano immigrati irregolari, passata al Parlamento europeo lo scorso 19 febbraio, è un altro segno nella direzione opposta. Come la direttiva sul ritorno è una misura legittima (il diritto di uno Stato di espellere uno straniero è un attributo inerente al principio di sovranità, se vincolato al rispetto dei diritti umani è incontestabile quanto il diritto di combattere l’economia sommersa), ma sbagliata nella misura in cui non può essere efficace contro un fenomeno che non può essere represso.

L’obiettivo dichiarato della direttiva è quello di ridurre l’immigrazione irregolare. L’idea è quella di diminuire le possibilità d’impiego così da eliminare un importante fattore d’ attrazione per gli immigrati irregolari. In realtà, l’effetto di queste sanzioni sul numero dei migranti irregolari è dubbio. La stessa valutazione d’impatto, sulla quale si basa la proposta, sottolinea che nella maggioranza dei paesi dove sono già in vigore sistemi di sanzioni il numero degli irregolari che trovano lavoro continua a essere considerevole.

Un secondo intento sarebbe quello di contrastare lo sfruttamento dei lavoratori irregolari. Anche questo però è contraddetto, ancor più chiaramente, dalla valutazione d’impatto. I datori di lavoro reclutano lavoratori irregolari perché sono vulnerabili, per la paura che hanno di essere espulsi e quindi flessibili. Se le autorità aumentano i controlli sul mercato del lavoro, questi lavoratori cercheranno di aumentare la loro “invisibilità”, e così facendo cadranno ancora di più in balia dei loro sfruttatori. Del resto, questi ultimi, per ridurre i rischi di essere sanzionati, faranno ricorso a diversi stratagemmi: dall’uso dei subappalti all’obbligo imposto ai lavoratori di procurarsi documenti falsi. Le sanzioni rischierebbero quindi di aumentare il tasso di sfruttamento invece che diminuirlo.

La proposta di direttiva contiene anche alcune disposizioni relative ai diritti dei lavoratori irregolari: il rimborso automatico dei compensi non ricevuti a causa dello sfruttamento sulla base della comparazione con lo stipendio minimo, la possibilità di sporgere denuncia, la possibilità per le parti terze di difendere i diritti dei lavoratori e la possibilità di garantire un permesso di residenza temporanea nel caso di sfruttamenti particolarmente severi. Tali misure di salvaguardia è necessario che rimangano nel testo finale. Ma queste non limiteranno i danni, se non in maniera irrilevante. La direttiva mira a combattere l’immigrazione irregolare facendo leva sul permesso di residenza e ciò rappresenta per i migranti irregolari una più che buona ragione per stare lontano il più possibile dalle autorità. Non c’è modo di pensare che questa li incoraggi a prendere provvedimenti per far valere i loro diritti di lavoratori. Inoltre, richiedendo ai datori di lavoro di controllare il permesso di soggiorno di tutti i cittadini di paesi terzi, incluso quelli che risiedono regolarmente, si rischia di aumentare ancora di più il tasso di discriminazione razziale e nazionale, intenzionale o involontaria. Infine sorgono dei dubbi sulle modalità d’implementazione della direttiva. Gli Stati membri con i più alti tassi di immigrazione irregolare sono anche quelli dove i sistemi di ispezione contro il lavoro nero non sono sufficientemente finanziati. Dare priorità alla lotta all’assunzione di manodopera irregolare, come inteso nella direttiva, rischierebbe di sottrarre risorse ai controlli più generali sulle frodi fiscali e i diritti sul lavoro.

In linea con queste critiche, la direttiva sanzioni sembra più destinata a gravare più sui lavoratori irregolari, che dovranno fare i conti con un inasprimento dello sfruttamento, che sui datori di lavoro, in teoria i diretti interessati. Restano comunque diverse perplessità anche sulla effettiva efficacia delle direttiva, che fissa solo “standard minimi”. Come sempre, gran parte della critica andrà riservata ai modi di implementazione dei singoli Stati membri.” (fonte sito Melting Pot – Cittadinanze)

Permesso di soggiorno per 1 anno per ricerca lavoro

La proposta di modificare il Testo Unico sull’immigrazione viene da parte del Pd, che tramite i suoi deputati Luigi Bobba e Cesare Damiano, ha presentato un Disegno di Legge che permette il rilascio di un permesso di soggiorno provisorio di 1 anno per ricerca di lavoro.

”Lo scopo – spiega Luigi Bobba, primo firmatario del provvedimento – è far uscire il tema dell’immigrazione dalla logica dell’emergenza che si limita a dare risposte emotive all’opinione pubblica in presenza di qualche episodio particolarmente grave. E’ un tragico errore parlare di immigrazione solo di fronte a casi di violenza. Non siamo sordi alla necessità di una maggiore sicurezza, perà un dato ci deve far riflettere: se il tasso delinquenziale è dieci volte superiore tra i cittadini immigrati clandestini, al tempo stesso tra gli immigrati regolari il tasso è del tutto simile a quello degli italiani. Dunque il vero problema è l’irregolarità, la clandestinità. Ci vuole un governo complessivo del fenomeno, una politica sistematica: la sicurezza si ottiene colpendo duramente i fenomeni criminali ma anche favorendo l’integrazione sociale”.
Secondo Damiano bisogna ”gestire con buon senso e concretezza il fenomeno migratorio. Clandestinità chiama lavoro nero e questo vuol dire mancanza di tutele, infortuni ed incidenti mortali. Nella legge Bossi-Fini c’è un collegamento stretto tra attività lavorativa e possibilità di rinnovare il permesso di soggiorno e questo rende di fatto il lavoratore immigrato più debole perchè più ricattabile. La proposta del Pd vuole restituire forza contrattuale ai lavoratori stranieri mettendoli sullo stesso piano di quelli italiani”.
”I due terzi di coloro che negli ultimi anni sono arrivati in Italia per cercare lavoro sono passati attraverso percorsi di illegalità – ha aggiunto Bobba – nell’ultimo anno a fronte di cinque richieste da parte delle imprese e delle famiglie solo una poteva essere soddisfatta. C’è dunque una irregolarità sommersa dovuta alla legislazione rigida, che non favorisce l’incontro tra domanda ed offerta di lavoro. Per questo proponiamo di introdurre un permesso di soggiorno provvisorio di un anno a determinate condizioni. Il Disegno di legge prevede anche la possibilità per un immigrato che si trova già in Italia, e che è in possesso di un lavoro stabile, di convertire il permesso di soggiorno turistico in uno stabile”. (fonte il sito Stranieri in Italia 03 marzo 2009).